Laser terapia

La luce è vita, il nostro organismo ha bisogno di luce, non c’è dubbio.

Oltre alla luce del sole, che contiene in sé tutte le frequenze dello spettro visibile, ovvero tutti i colori, possiamo utilizzare la luce laser per portare giovamento al nostro fisico quando si ammala.

La luce laser è un particolare tipo di luce che vibra, in modo coerente ad una determinata frequenza. È luce quindi di un preciso e determinato colore.

Già da tempo si impiega la luce laser ad alta potenza per trattare i tessuti esternamente. Il limite di questo trattamento classico, però, è l’impossibilità di raggiungere i tessuti in profondità.

Il trattamento a luce laser a bassa frequenza supera questo limite e permette di portare la luce ad illuminare direttamente il sangue e i tessuti in profondità, grazie all’inserimento di una speciale fibra ottica attraverso un piccolo catetere endovena.

La terapia sfrutta la naturale fotosensibilità delle molecole del sangue e produce:

  • un miglioramento della microcircolazione sanguigna
  • un’attivazione delle capacità detossicanti dell’organismo
  • un incremento della produzione energetica cellulare
  • un riequilibrio del sistema immunitario

La terapia è applicabile in vari ambiti della medicina e di norma è ben tollerata. Nonostante ciò, il suo utilizzo deve comunque essere attentamente calibrato in base all'intervento da effettuare e alla costituzione del paziente, regolando sia la lunghezza d'onda che l'intensità dell'energia.

Le principali condizioni che possono essere trattate con il laser endovena sono:

  • Alterazioni cerebro vascolari (esiti di ictus e ischemia cerebrale cronica)
  • Malattie cardio vascolari (cardiopatia ischemica e ipertensione arteriosa, scompenso cardiaco cronico)
  • Patologie polmonari (asma, bronchite cronica ed enfisema)
  • Malattie autoimmuni (artrite reumatoide, LES, tiroidite autoimmune, morbo di Crohn, rettocolite ulcerosa, etc...)
  • Condizioni infettive acute e croniche (Malattia di Lyme, mononucleosi infettiva, infezioni da Herpes symplex e Zooster etc...)
  • Malattie gastrointestinali (pancreatite cronica, gastrite e ulcera peptica, epatite cronica, colon irritabile, malattie infiammatorie croniche intestinali)
  • Malattie metaboliche (diabete mellito di tipo adulto, ipercolesterolemia, sindrome metaboliche etc...)
  • Allergie respiratorie o cutanee (oculorinite allergica stagionale, asma allergica, dermatite atopica, orticaria cronica, etc...)
  • Patologie neurologiche (sclerosi multipla, emicrania e cefalea, sindromi vertiginose, acufeni, sindrome delle gambe senza riposo, ecc...)
  • Malattie osteo-artro-muscolari (artrosi, artrite, fibromialgia)
  • Trattamento delle ferite “difficili” in vasculopatie periferiche
  • Malattie oncologiche, come terapia di supporto
  • Insonnia, ansia, depressione, attacchi di panico
  • Miglioramento dell'efficienza psicofisica durante la pratica sportiva
  • Sindrome da fatica cronica

La laserterapia endovena può essere associata ad altri interventi terapeutici, quando ritenuto necessario, e spesso si integra con opportuni cambiamenti dello stile di vita.

Trattamento

Il trattamento si effettua in studio, dura circa 30-40 minuti, ed è sempre preceduto da un’accurata visita medica che ci permette di consigliare il numero di applicazioni, la frequenza delle applicazioni e il tipo di luce laser in termini di frequenza (colore) e intensità. In genere la frequenza è di 1-2 trattamenti settimanali per un totale di 10 sedute complessive. Il ciclo può essere ripetuto con frequenze diverse ( in genere ogni 4-6-12 mesi) in base alle condizioni cliniche individuali.